Indios

Prima dell'arrivo elle Caravelle portoghesi, comandate da Pedro Álvares Cabral, alle allora sconosciute terre Brasiliane, da queste parti abitavano già dei personaggi nativi che hanno contribuito alla storia della fondazione del paese: gli Indigeni, il cui termine fu dato dai coloni in riferimento alle “Indie”, destinazione che credevano aver scoperto in quel momento e dagli storici denominati “protettori delle foreste”

Si stima che, prima della colonizzazione portoghese, esistevano nel territorio brasiliano, circa 11 milioni di Indios: nel corso dei secoli molte tribù sono scomparse a causa degli intensi conflitti per la sopravvivenza sulle terre, vittime di malattie portate dagli europei (principalmente vaiolo e morbillo) e tante altre emigrate in terre remote per evitare il contatto con i popoli stranieri

Attualmente la Fondazione Nazionale FUNAI, creata nel 1967, è responsabile per proteggere e rispettare i diritti delle popolazioni indigene, distribuite in diverse Riserve Protette (Aldeias): Il 19 aprile in tutto il paese si celebra l'Indian Day.

Principali Tribù Indigene

Al momento della scoperta, le tribù indigene erano divise in base al loro dialetto, Tupi, Macro-jê, Aruak e Karib: il gruppo che parlava il dialetto Tupi, abili cacciatori e pescatori, era formato dalle etnie Tamoio, Tabajara, Tupiniquim e Guarani, le quali furono le prime ad entrare in contatto con gli invasori portoghesi

Attualmente le più importanti tribù, sparse su tutto il territorio brasiliano, sono:

- Ticuna: considerata la maggiore etnia del paese e le cui comunità popolano principalmente lo stato Amazonas, lungo i margini nel Rio Solimões (uno dei 2 principali fiumi che formano il grande Rio delle Amazzoni)

- Yanomani: che occupano la più Grande Riserva nazionale ubicata nello stato di Roraima, il più settentrionale della nazione al confine con il Venezuela.

- Potiguara (in lingua indigena “mangiatori di gamberi”): circa 18.000 integranti sparpagliati nella regione Nord-est del Brasile tra gli stati di Paraiba, Pernambuco, Rio Grande del Nord e Ceará

- Pataxó: riunisce circa 12.000 individui distribuiti tra gli stati di Bahia e Minas Gerais

Organizzazione sociale del popolo Indigeno

Nonostante l´introduzione dei costumi, usanze e tecnologie europee, l'organizzazione della società indigena è rimasta sostanzialmente la stessa dall'arrivo dei colonizzatori e può diversificarsi in base all'età e al sesso di ciascun membro della comunità.

I villaggi sono costituiti da una zona centrale dove si incontra la piazza principale e la Maloca (“Casa Grande”) una costruzione di legno e paglia, luogo d´incontro per decisioni comunitarie ed eventi festivi, intorno alla quale si sviluppano le capanne (Ocas) delle singole famiglie composte da diversi membri, ascendenti e discendenti, uniti sotto lo stesso tetto.

In tutte le comunità esistono 2 figure sociali di rilievo, il Cacique, che regola il comando e l´organizzazione del villaggio e il Pajé , il capo spirituale e grande conoscitore delle cure mediche ancestrali: le donne sono responsabili delle faccende domestiche e dell'artigianato, mentre gli uomini lavorano la terra, cacciano e pescano per la sopravvivenza della famiglia

Gli indigeni ai giorni nostri

Attualmente esistono circa 305 comunità indigene, dislocate in un´area totale che corrisponde al 13% di tutto il territorio brasiliano, composte da varie etnie tra cui le più numerose sono Guarani, Tikuna, Yanomani e Karajá.

Molti usi e costumi dei brasiliani, come ad esempio camminare scalzi, dormire sulle amache, alimentarsi con farina e manioca….e vocaboli del quotidiano, conosciuti mondialmente, hanno origine indigena: Carioca (gli abitanti di Rio de Janeiro) “Casa del Bianco” ,  Copacabana (la famosa spiaggia di Rio) “guardando il lago”, Maracaná (il grande stadio di Rio) “insieme di pappagalli” , Jericoacoara (la famosa località balneare) “nido delle tartarughe”, Piranha (il temibile pesce fluviale) “pesce diavolo” , Tucano (l´uccello dal grande becco) “che colpisce forte

Purtroppo, la ricca storia del popolo indigeno è sempre stato bersaglio dell' "uomo bianco" attraverso razzismo, pregiudizio, violazione dei diritti umani e, vivendo in regioni isolate con estreme difficoltà di accesso ai servizi pubblici e sanitari, molto spesso abbandonati dallo Stato e dalla società in generale: inoltre, l'avanzata dello sfruttamento del territorio da parte delle grandi industrie idroelettriche e agroalimentari, stanno danneggiando sempre più le condizioni di questa antica cultura, culla del Popolo Brasiliano

©2018 Hermes Ecoturismo. Tutti i diritti riservati.

PERCHÈ VIAGGIARE CON HERMES

Sicurezza e tranquillità

Durante tutta la programmazione ci sarà l’accompagnamento di una guida italiana bilingue che sarà presente e disponibile 24 ore al giorno, pianificando e ottimizzando tutte le giornate dell’itinerario: al viaggiatore rimarrà il solo compito di gustarsi la vacanza nel migliore dei modi e senza alcuna preoccupazione.

Esperienza e professionalità

L’organizzatore, come pure la guida accompagnante, sono residenti in Brasile e di conseguenza tutti gli itinerari sono ben conosciuti perché testati in continuazione e tenuti costantemente aggiornati.

Consulenza specifica

Tutti i destini sono stati elaborati in base alla reale conoscenza delle aspettative dei viaggiatori: cosa visitare e quanto tempo dedicarci, quale è il miglior percorso e mezzo di locomozione per apprezzare maggiormente l’itinerario, dove vale la pena sostare per gustare i piatti locali, la stagione migliore per partire…..

Risparmio

Tutti i costi sono ridotti grazie all’assenza di intermediari nella vendita dei programmi e l’acquisto viene effettuato direttamente con l’organizzatore; inoltre tutti i servizi terrestri (trasporti, pernottamenti….) vengono attentamente scelti in base al miglior rapporto qualità\prezzo.

WHY TRAVEL WITH HERMES

Security and tranquility

Throughout the programs there will be the virtual support of a bilingual English assistent (in some cases also as an guide accompanying ) who will be available 24 hours a day, planning and optimizing all the days of the itinerary: the traveler will have only the task of enjoying the holiday in the best way and without any concern.

Experience and professionalism

The organizer, as well as the guides , are resident in Brazil and consequently all the itineraries are well known because they are continuously tested and kept constantly updated.

Specific advice

All the destinations have been elaborated on the basis of the real knowledge of travelers’ expectations: what to visit and how much time to spend, which is the best route and how to get  there for better appreciate the itinerary, where it is worth stopping to taste the local dishes, the best season to leave… ..

Savings

All costs are reduced thanks to the absence of intermediaries in the sale of the programs and the purchase is made directly with the organizer; moreover, all terrestrial services (transport, overnight stays, etc…) are carefully chosen on the basis of the best value for money;